I rischi di un pasto abbondante

Perchè fare attenzione ai pasti abbondanti durante le festività o in occasione di piacevoli eventi?

Siamo soliti valutare l’importanza degli stili di vita e soprattutto della dieta nella prevenzione del sovrappeso corporeo e di molte patologie ma, viste le numerose festività dell'anno ed i frequenti lieti eventi che spesso fortunatamente si susseguono, corre l’obbligo di evidenziare come anche un unico pasto, soprattutto se abbondante e ricco di cibi grassi, possa nuocere acutamente al fisico sano ed ancor di più a quello già minato da alcune patologie.

 

Possibili conseguenze nei soggetti sani

Anche nel soggetto sano, oltre al rischio di incremento ponderale ovviamente poco influenzato dal singolo pranzo, un abbondante pasto grasso potrebbe essere associato a differenti problematiche fino a scatenare, sia pur raramente, una patologia pancreatica acuta che si potrebbe manifestare con dolore addominale magari confuso con una banale colica di scarsa importanza.

 

Possibili conseguenze nei soggetti che presentano patologie

Attenzione perché lo stesso abbondante pranzo, ad esempio Pasquale, in un soggetto già affetto da diabete mellito, da ipertensione arteriosa, da patologia del fegato o da altri dismetabolismi potrebbe indurre un brusco peggioramento del quadro clinico preesistente.

In particolare il soggetto interessato potrebbe manifestare una crisi ipertensiva, una colica epatica o addominale, un esagerato incremento della glicemia costringendolo a trattamenti farmacologici aggiuntivi se non, addirittura, a ricorrere alle cure ospedaliere. E questo sarebbe come ovvio da evitare.

 

Comportamento consigliato

Pertanto in occasione di una qualsivoglia festività imparare a mantenere comunque un idoneo comportamento alimentare assumendo con moderazione alimenti ed alcoolici, senza abusarne. Inoltre, conoscendo la problematica, non sottovalutare l'eventuale insorgenza di sintomatologia clinica che insorgesse dopo abbondante libagione ricorrendo a consulto del medico affinché possa essere fatta una precoce diagnosi ed una tempestiva terapia se necessaria.

 

Dr. Mauro Marchetti
Specialista in Medicina Interna

                                                 


Iscriviti alla mailing list
Accetto la Privacy policy